ACCOGLIENZA VERSUS INTEGRAZIONE

Di Sabrina Corsello 

6 febbraio 2019

Uno dei punti fondamentali dell’opposizione al Governo attuale è il tema dell’accoglienza. Non è bastato il voto degli italiani che -sulla base di un programma ben preciso – hanno votato a favore di chi intendeva mettere decisamente un punto agli oltre 700.000 sbarchi. Evidentemente non è bastato, tanto che si continua a parlare di accoglienza come un must indiscutibile, Ed è così che, anche a costo di mettere in discussione la stessa democrazia, si lanciano invettive contro gli italiani che, nella …

Leggi tutto »

COME L’EURO CI RENDE SCHIAVI DEI “MERCATI” IMPEDENDOCI DI RIDURRE DAVVERO IL NOSTRO DEBITO PUBBLICO

10 gennaio 2019

Prendo oggi spunto dall’ottimo articolo pubblicato sul blog di Maurizio Blondet: “Quel maledetto divorzio fra Bankitalia e Tesoro” per tornare su un punto fondamentale e sempre trascurato nel dibattito mediatico sul nostro debito pubblico.

Si sente dire ad ogni occasione che “il nostro problema è il debito pubblico, troppo alto!” e si afferma inopinatamente che, di per sè, il debito alto è un impedimento alla spesa pubblica, un punto di debolezza che ci espone alla speculazione dei mercati, ecc.

Ma che le cose non stiano …

Leggi tutto »

LA PICKY AUSTERITY E IL PRINCIPIO DI UGUAGLIANZA: UN CONTRASTO INACCETTABILE.

18 dicembre 2018

Ci risiamo.

Pochi minuti fa è arrivata l’ultima, ennesima riprova dell’assoluta assenza di imparzialità, fondamento tecnico e logico e oggettività della Commissione Europea nel giudicare le leggi di bilancio dei Paesi membri al fine di approvarle ovvero di comminare ai Paesi di provenienza una procedura di infrazione per violazione dei vincoli europei.

Non fossero bastati gli ininterrotti sforamenti, reiterati ogni anno, del limite del 6% di surplus commerciale da parte della Germania (vera e principale causa degli squilibri economici nell’eurozona), mai sanzionati, o la tolleranza …

Leggi tutto »

IL RICATTO EUROPEO

Ormai neanche ci facciamo caso: è diventato del tutto normale sentirci dire che i mercati ci minacciano. Da anni registriamo un’attenzione quasi spasmodica all’andamento dei mercati finanziari e subiamo un bombardamento mediatico che è riuscito a convincerci che la sola vera economia sia quella finanziaria, che si occupa di spread e di debito, piuttosto che della vita reale delle persone.

Più o meno consapevolmente viviamo le nostre vite in una sorta di stato di assedio, costretti dentro un sistema che potremmo definire ordoliberista, in quanto è in grado di approntare tutti gli strumenti …

Leggi tutto »

IL DIBATTITO SUL BILANCIO ITALIANO E LA QUESTIONE DELLA SOVRANITÀ

IL DIBATTITO SUL BILANCIO ITALIANO E LA QUESTIONE DELLA SOVRANITÀ

di Jacques Sapir

Direttore degli studi (in pensione) presso l’ EHESS-Parigi - Direttore del CEMI - Membro straniero dell’Accademia Russa delle scienze

L’attuale crisi che oppone l’Italia e la Commissione europea sul progetto di bilancio italiano, in seguito alla sua pubblicazione, verte apparentemente su delle percentuali. In realtà, si tratta della questione essenziale di sapere chi è legittimato a decidere del bilancio italiano: il governo che proviene dalle elezioni democratiche o la Commissione e le sue varie appendici che pretendono …

Leggi tutto »

LO SCONTRO DELL’ITALIA CON LA TROJKA ED IL FUTURO DELL’EUROPA

20.10.2018

Presentata la manovra finanziaria, l’Italia ha davanti a sè la parte più difficile del percorso necessario per concretizzare il rilancio della crescita e dell’occupazione promesso dai partiti saliti al governo il 4 marzo e faticosamente declinato, tenendo conto delle differenti ricette e priorità politiche, nei documenti programmatici ad oggi ufficializzati. Si tratta ora di fronteggiare le levate di scudi già preannunciate dalle Istituzioni europee, ufficialmente per ragioni dovute a squilibri interni alla manovra fra risorse destinate a crescita e infrastrutture (investimenti produttivi) e stanziamenti per …

Leggi tutto »

LE ISTITUZIONI NON ELETTE CHE GOVERNANO L’EUROPA

16 settembre 2018

Mai come ora il governo italiano è stato sotto attacco da parte delle istituzioni europee.

Nei giorni scorsi abbiamo sentito per l’ennesima volta i rimproveri e le minacce da due delle massime cariche UE: il governatore della BCE Mario Draghi ed il Commissario europeo Moscovici.

Entrambi hanno pesantemente attaccato il governo, il primo accusandolo di cagionare danni all’economia italiana ed anticipando la propria chiusura ad ogni sostegno finanziario in caso di sforamento dei parametri di deficit pubblico; il secondo arrivando a paragonare i nostri responsabili …

Leggi tutto »

IL RECINTO IDEOLOGICO FILO-IMMIGRAZIONISTA: LAVORI IN CORSO.

Commento alla delibera N. 403/18/CONS dell’AGCOM (Autorità Garante per le Comunicazioni)

Il 25 luglio scorso, con delibera n. 403/18/CONS, l’Autorità Garante per le Comunicazioni (AGCOM) ha emesso la delibera avente ad oggetto “AVVIO DEL PROCEDIMENTO PER L’ADOZIONE DI UN REGOLAMENTO IN MATERIA DI RISPETTO DELLA DIGNITÀ UMANA E DEL PRINCIPIO DI NON DISCRIMINAZIONE E DI CONTRASTO ALL’HATE SPEECH E ALL’ISTIGAZIONE ALL’ODIO”.

Tale provvedimento è passato inosservato sui media mainstream, ma il suo contenuto è di fondamentale importanza per le implicazioni in esso contenute sulla regolamentazione dell’informazione nel nostro Paese. Ritengo …

Leggi tutto »

I VOUCHER POSSIBILI PER CONTRASTARE IL LAVORO NERO (DAVVERO)

18 luglio 2018

 

Uno dei nodi problematici emerso all’indomani dell’uscita del “decreto dignità” è quello relativo alla possibile reintroduzione dei voucher, richiesta a gran voce dai partiti di centrodestra, ma ostacolata da parte del Movimento 5 stelle e del centrosinistra.

Vediamo quali sono, a grandi linee, i termini della questione.

I cosiddetti “voucher” sono dei buoni lavoro introdotti come strumento di retribuzione del lavoro occasionale, oltre 20 anni fa, nel 2003, con la Legge Biagi, durante il secondo governo Berlusconi.

Concepita con l’intenzione di ridurre il lavoro nero, questa …

Leggi tutto »

IL PAREGGIO DEL BILANCIO: LA SPINA NELLA COSTITUZIONE

14 luglio 2018

Il governo Lega-M5S sta dimostrando, dopo nemmeno due mesi dall’insediamento, di avere tutte le intenzioni e la capacità – almeno teorica – di realizzare gli obiettivi anticipati in campagna elettorale.

Pur nel fuoco incrociato di critiche delle opposizioni, i primi importanti segnali si sono visti: il Ministro dell’Interno Salvini ha dato una svolta netta alla politica immigrazionista condotta dal governo precedente, ordinando la chiusura dei porti e stabilendo regole più stringenti per l’accoglienza dei migranti nel nostro Paese, ed il Premier Conte ha portato …

Leggi tutto »