L’ISTIGAZIONE DELLA SINISTRA: GLI ODIERNI MARIO NEGRI

26 giugno 2018

Sono mesi che la parte politica sconfitta alle elezioni, comunemente denominata “sinistra”, usa ogni mezzo e non disdegna alcuna modalità pur di attaccare i rappresentanti dei partiti vincitori Lega e M5S. Ci siamo abituati: la lotta politica viene sempre più spesso combattuta con le armi dell’ignominia, delle accuse più strampalate, delle invettive verso l’avversario, invece che con quelle della proposta e della sfida sui contenuti e sugli ideali.

Ma da quando i due partiti “populisti” hanno formato il nuovo governo, gli attacchi sono divenuti …

Leggi tutto »

LA SINISTRA “COCCIUTA”: UNA SCELTA DI CAMPO, DALLA PARTE DEI “MERCATI”.

Molti di coloro che osservano le dinamiche politiche a seguito del risultato dirompente del voto del 4 marzo scorso, e dell’insediarsi del primo governo “populista e antisistema” in Europa, non si capacitano del rifiuto, da parte della “sinistra” sconfitta malamente alle urne ed ormai emarginata dai ruoli chiave del governo, di fare una seria autocritica, virando dalla linea tenuta fin qui, in direzione di una maggiore sensibilità agli argomenti cari ai cittadini e meno ossequio ai dogmi dell’Europa salvifica e del Mercato onnipotente.

A lungo anch’io …

Leggi tutto »

L’EURODEPUTATO TEDESCO HENKEL: “L’ITALIA SAREBBE MEGLIO SE LASCIASSE L’EURO” di Cesare Sacchetti

1 giugno 2018

Ormai sta diventando una triste consuetudine quella di ascoltare le reprimende da uomini delle istituzioni europee che ingeriscono negli affari dell’Italia. E’ altrettanto sconfortante che i protagonisti di queste ingerenze siano spesso tedeschi.

Da ultimo ricordiamo la famigerata dichiarazione del commissario al bilancio UE, Oettinger, secondo il quale “i mercati insegneranno all’Italia come votare”, seguita da quella ancora più sconvolgente del eurodeputato Ferber della CSU, il partito tedesco che rappresenta una derivazione regionale della CDU della Merkel, che ha paventato la necessità di “invadere …

Leggi tutto »

IL PUNTO DI NON RITORNO DI MATTARELLA di Cesare Sacchetti

28 maggio 2018

Quella alla quale si è assistito ieri è probabilmente la più grave crisi istituzionale mai vista nell’intero arco temporale della storia repubblicana.

Molti sono stati i momenti che hanno messo a dura prova la stabilità della Repubblica, e tra questi non si può non citare il rapimento Moro o le stragi del 1992, ma uno scontro ai massimi vertici delle istituzioni come quello che si è consumato ieri non ha precedenti specifici.

Il Capo dello Stato si è rifiutato …

Leggi tutto »

I PROFETI DELL’APOCALISSE: LA SETTA DEI “MERCATISTI” ALL’ATTACCO DEL QUIRINALE.

25 maggio 2018

Negli ultimi giorni, il fuoco di fila dei media allineati alla volontà delle élite finanziarie europee, ha spostato il mirino dall’ormai incaricato premier Prof. Giuseppe Conte, al probabile nuovo ministro dell’economia Paolo Savona, creando il secondo inedito caso di “grave minaccia” alla sopravvivenza del Paese nella grottesca narrazione mediatica che accompagna la nascita del nuovo governo, guidato in tandem dai due partiti vincitori delle elezioni politiche del 4  marzo scorso, i cosiddetti “barbari” M5S e Lega.

Stiamo assistendo, in tutti i programmi tv, radio …

Leggi tutto »

IL GOVERNO DEL POPOLO

18 maggio 2018

Finito il lavoro di trattativa al tavolo del “contratto di governo”, la pubblicazione del contenuto del programma concordato e condiviso da Lega e Movimento 5 stelle per realizzare il cambiamento di rotta promesso agli Italiani, ha suscitato la prevedibile ondata di critiche, grida di allarme, anatemi e isterie varie, da parte dei partiti esclusi dal tavolo e dai media mainstream, ancora monopolizzati da soggetti schierati con il governo uscente.

L’attesa spasmodica per il nome del premier scelto dai due leader dei diversi schieramenti, da indicare …

Leggi tutto »

LA CRISI DELLA SINISTRA FRA IPOCRISIA, METAMORFOSI E IMPOTENZA

10 marzo 2018

Il dibattito mediatico sorto in seguito al risultato del voto del 4 marzo si avvita in questi giorni attorno a due interrogativi fondamentali: le ragioni del crollo della sinistra, nelle sue varie declinazioni partitiche, e quelle del trionfo dei due partiti “populisti” Lega e M5S.

Entrambi i quesiti faticano ad ottenere risposte convincenti da parte degli esponenti dei partiti sconfitti, e le spiegazioni fornite dai vari giornalisti, opinionisti e politologi che sono cresciuti nutrendosi degli slogan funzionali al sistema di governo sino a ieri …

Leggi tutto »

EMERGENZE, POTERI E L’”EUROPA” : IL TEATRINO SENZA FINE.

30 giugno 2017

I fatti degli ultimi giorni e le azioni del nostro Governo per far fronte alle emergenze ormai indifferibili in cui il nostro Paese galleggia da anni, danno ancora una volta la misura della pressoché totale spoliazione di ogni margine di sovranità dello Stato italiano, che sempre più si configura, ormai, come una mera provincia del super-Stato europeo.

La seconda (per ora) crisi bancaria nazionale, che ha interessato le Banche venete – già in agonia da anni, come a tutti noto, …

Leggi tutto »

REPETITA IUVANT…

Sono cose che ho già detto e scritto varie volte, ma un ripassino ogni tanto ci vuole… specialmente oggi.

La differenza fra Brexit (da UE) ed €exit (da UEM) è che per attuare la prima ci vogliono anni, la seconda si realizza da un giorno all’altro. Uscendo da €zona, l’Italia (e la Francia, Spagna, Portogallo, ecc.) potrebbero immediatamente fare spesa in deficit (senza rispettare l’assurdo limite del 3% che ci impone l’appartenenza all’€zona) e salutare il fiscal compact, finanziando la spesa pubblica necessaria (per opere quali infrastrutture, …

Leggi tutto »

BREXIT: il D-day del nostro secolo.

23 giugno 2016. Siamo arrivati alla data del temutissimo voto sul referendum britannico, in cui gli Inglesi sono chiamati a scegliere se restare (remain) nell’Unione Europea o uscirne (leave).

I dibattiti televisivi e le testate giornalistiche nostrane affrontano ogni giorno il tema dal punto di vista europeo, divulgando le opinioni di vari economisti, politologi o esperti di altro genere, secondo la quasi totalità dei quali la Brexit sarebbe “una catastrofe” per l’Europa.

Poiché, come più volte si è sottolineato in questa ed altre sedi, l’informazione in …

Leggi tutto »